Charlotte Perriand un’icona

Cassina presenta la chaise-longue LC4 CP in edizione limitata, un omaggio a Charlotte Perriand in occasione della Collezione Icônes 2014 di Louis Vuitton, all’interno dell’installazione “Charlotte Perriand un'icona della modernità”

Cassina condivide la propria passione con Louis Vuitton per Charlotte Perriand e presenta l’installazione itinerante “Charlotte Perriand un'icona della modernità” presso lo showroom di Milano durante il Salone del Mobile 2014: un incontro che coniuga i mobili firmati Cassina e la moda di Louis Vuitton per onorare questa magnifica leggenda contemporanea.


Un’installazione colorata ispirata dal futuristico rifugio di montagna il Refuge Tonneau
Un primo sguardo sulle opere affascinanti di Charlotte Perriand passa attraverso i grandi oblò tondi ricreati sulle vetrine dello showroom di Cassina Milano che richiamano le finestre del Refuge Tonneau disegnato da Charlotte Perriand e Pierre Jeanneret nel 1938 e completamente ricostruito per la prima volta da Cassina al Salone del Mobile nel 2012. Sullo sfondo una gigantografie in bianco e nero di Charlotte Perriand a Savoy, Francia, che dimostra la sua passione per la montagna e che esprime la determinazione e l’indipendenza di questa figura femminile. All’interno dello showroom cinque strutture simili con un scheletro ottagonale sono state costruite in Plexiglas® nei toni vibranti dalla palette di colori di Charlotte Perriand (rosso, giallo, blu, verde e trasparente) che sono illuminate da sotto con delle luci LED. Ognuno di queste capsule ospita l’edizione limitata della chaise-longue LC4 CP, un omaggio di Cassina a Charlotte Perriand in occasione della Collezione Icônes 2014 di Louis Vuitton, insieme a una selezione di look dalla collezione autunno /inverno 2014-2015, ispirata dallo stile anticonformista di Charlotte Perriand e indossati dai manichini.


La LC4 CP ‘relaxing machine’
L’ispirazione di questo tributo innovativo risale alla foto – all’epoca controversa ora rinominata - di Charlotte Perriand che riposa su uno dei primi modelli della chaise-longue con il materassino autoportante fissato direttamente alla struttura. Considerata come una macchina da riposo, una vera ‘relaxing machine’, questo oggetto è sempre stato speciale per Charlotte Perriand in quanto risponde perfettamente alla sua idea di mobili funzionali che accolgono la naturale forma del corpo per dare il massimo confort.


La lavorazione più innovativa in 80 anni di storia
La LC4 CP è estremamente innovativa grazie alla lavorazione del materasso autoportante che è stato sviluppato con il know-how industriale di Cassina e l’expertise di Louis Vuitton nella selleria artigianale: il cuoio naturale fornito dalla conceria di Louis Vuitton è fissato direttamente alla struttura, e il poggiapiedi e il poggiatesta sono stati realizzati in cuoio marrone scuro a contrasto. Dettagli caratteristici sono particolarmente riconoscibili nella cucitura gialla del cuoio naturale e nei cinturini eleganti della poggiatesta che ricordano la lavorazione delle borse firmate Louis Vuitton. Ogni base color basalto porta la dedica “Hommage de Cassina à Charlotte Perriand à l’occasion de la Collection Icônes 2014 de Louis Vuitton” ed è autenticata con il numero progressivo dell’edizione limitata. Le firme degli autori e il logo Cassina I Maestri sono incisi, come sempre, sulla struttura per sottolineare che Cassina è l’unica azienda autorizzata a realizzare i mobili disegnati da Charlotte Perriand. Questa icona distintiva del design è disponibile presso le migliori boutique Cassina in tutto il mondo.


Credit obbligatorio
LC4 CP di Le Corbusier, Pierre Jeanneret, Charlotte Perriand, un omaggio di Cassina a Charlotte Perriand in occasione della Collezione Icônes 2014 di Louis Vuitton.

Biografia Charlotte Perriand
Charlotte Perriand (1903-1999) fa parte a pieno titolo di quell’avanguardia culturale che fin dai primi decenni del ventesimo secolo ha promosso un profondo rinnovamento dei valori estetici, e ha dato vita a una sensibilità propriamente moderna del vivere quotidiano. In questo contesto, il suo contributo specifico si focalizza sugli spazi dell’architettura d’interni, che vengono concepiti come motore di un nuovo modo di abitare, che è tutt’oggi al centro dello stile di vita contemporaneo.

Nel campo della storia dell’arredamento del ventesimo secolo, l’avvento della modernità è reso possibile dall’intraprendente audacia di questa vera riformatrice dell’architettura d’interni. Agli inizi del suo percorso professionale è acclamata dalla critica per il suo Bar sotto il tetto, esposto al Salon d’Automne del 1927, interamente costruito in rame nichelato e alluminio anodizzato. Lo stesso anno, a soli ventiquattro anni, comincia una collaborazione decennale con Le Corbusier e Pierre Jeanneret, presso il famoso atelier di 35, rue de Sèvres a Parigi.

La sua presenza nell’atelier di Le Corbusier è visibile in tutti gli arredi disegnati con questi e con Pierre Jeanneret: Charlotte Perriand diventa così un caposaldo del progetto di rinnovamento promosso dall’architetto, aggiungendo in particolare una dimensione d’umanità al talvolta freddo razionalismo di Le Corbusier. Nei suoi progetti riesce ad animare gli oggetti fondamentali della quotidianità con nuovi valori estetici: in particolare il suo talento ed intuito nella scoperta e nell’uso di nuovi materiali vengono a manifestarsi in tutta la loro estensione.

La collaborazione decennale con Le Corbusier e Pierre Jeanneret e l’esperienza giapponese rappresentano momenti di intensa effervescenza creativa nella vita dell’artista. Durante il suo lungo soggiorno in estremo oriente (‘40-‘46), può rivelarsi appieno il suo talento d’artista, attraverso una reinterpretazione della realtà dell’abitare che mette in risonanza tradizione e modernità: a titolo d’esempio si possono citare gli arredi prodotti con le antiche tecniche di lavorazione del bambù, capaci di esaltare le nuove forme già sperimentate con i tubolari d’acciaio.

In seguito la sua attività professionale si concentra su di una serie di allestimenti originali ed equilibrati, commissionati da enti e imprese di primo rango, del calibro di Air France, nonché da diverse istituzioni straniere, a testimonianza di una fama che ha ormai acquisito una dimensione internazionale.

Il dato che caratterizza la personalità di Charlotte Perriand è un’onesta fedeltà ai principi di un razionalismo umano e innovatore, che ha saputo mantenere intatto nelle sue opere, di cui si è occupata con passione, anche in prospettiva della loro riedizione nella serie Collezione Cassina I Maestri.
www.cassina.com