Karl Lagerfeld photographie Cassina

In anteprima mondiale, lo showroom di Cassina a Parigi si trasforma in una galleria d’arte e presenta gli autentici tableaux fotografici firmati Karl Lagerfeld “ritratti giganteschi” degli arredi di Cassina.

Parigi, 31 gennaio 2013. In uno spazio completamente vuoto, le grandi fotografie offrono uno sguardo nuovo e una percezione totalmente inedita di alcuni mobili di Cassina, tra i più rappresentativi del design contemporaneo. Una scenografia dove l’oggetto è diventato icona.

Una interpretazione sensazionale delle collezioni di Cassina

Appoggiati verticalmente sul pavimento, a volte polittici, le dimensioni sorprendenti delle opere di Karl Lagerfeld, tra i 105cm per 210cm e 150cm per 300cm, sono arricchite da un’incredibile resa plastica e cromatica.
La produzione è stata affidata a Gerhard Steidl, così come la disposizione dei quadri e la scenografia. Le opere, stampate con la tecnica Lambda C on Kodak Silver Paper sealed in acrylic, sono uniche e certificate dall’artista.

Un progetto artistico inedito da raccontare sui social network

Karl Lagerfeld non ha mai collaborato con un marchio di arredamento per un progetto fotografico.
Grande amante del design ed esteta tra i più influenti dei nostri tempi, affronta il tema grazie al progetto artistico affidatogli da Cassina, e fa sfilare i suoi oggetti preferiti davanti all’obiettivo. Così si scopre rivelatore.

“E’ un tipo di progetto sul quale non avevo mai ‘lavorato’. Reinterpretare visualmente degli esempi di design perfetto è completamente nuovo per me, e quindi stimolante e anche esaltante.
Sono anche un fan delle ‘produzioni’ di Cassina da anni e possiedo tanti di questi pezzi fotografati, spesso anche in più esemplari. Il mio primo ‘ordine’ era la famosa chaise-longue di Le Corbusier, Pierre Jeanneret e Charlotte Perriand negli anni 60…”
Karl Lagerfeld

Cassina condivide il backstage di questo shooting fotografico eccezionale e la passione di Karl Lagerfeld per le collezioni di Cassina in un video da vedere e condividere sul sito dedicato www.cassina.com/KL.

La scelta di un cultore, l’occhio di un artista

Dalla poltrona LC2 di Le Corbusier, Pierre Jeanneret e Charlotte Perriand alla poltrona Auckland di Jean-Marie Massaud, Karl Lagerfeld racconta una breve storia del design con gli arredi che appartengono alla sua collezione personale. Rovesciati, in conversazione, un dettaglio, un insieme o nella loro maestosità, i mobili familiari, perché celebri, appaiano in composizioni grafiche che li rendono insoliti e misteriosi. Senza tradire la loro identità, sembra che Karl Lagerfeld riesce ad estrarre da loro una forma di umanità.

Prossima tappa: Cassina affida a Karl Lagerfeld le chiavi dello showroom storico in occasione del Salone del Mobile

Parigi segna la prima tappa in una serie di attività culturali per l’anno 2013 con l’apertura di questa mostra molto attesa.
Il prossimo appuntamento di questa collaborazione artistica sarà altrettanto spettacolare in quanto Cassina ha invitato Karl Lagerfeld a realizzare una scenografia che animerà lo showroom storico di via Durini durante il Salone del Mobile di Milano, l’evento più importante per il mondo del design.
Una combinazione di fotografie e un allestimento di mobili, l’icona della moda ancora una volta sorprenderà gli appassionati del design con una sua visione originale del marchio.

Karl Lagerfeld fotografo

Karl Lagerfeld ha debuttato come fotografo nel 1987. Ha ricevuto vari premi inclusi il Gordon Parks Foundation Award nel 2011, il Lucky Strike Design Award dalla Raymond Loewy Foundation, il premio culturale dalla German Photographic Society, e l’ICP Trustees Award all’International Center of Photography’s Infinity Awards nel 2007. Inoltre, Lagerfeld ha realizzato numerosi libri fotografici, ha curato diverse mostre ed è stato invitato a fare il guest editor da diverse testate incluse Wallpaper ed AD France.

Gerhard Steidl

Gerhard Steidl apre la sua tipografia a soli 17 anni. Nel 1972 fonda la casa editrice che due anni dopo ha pubblicato le opere letterarie del futuro Premio Nobel, Günter Grass.
In pochi anni diventa un punto di riferimento per i libri di fotografie. Robert Adams, David Bailey, Robert Frank, Nan Goldin, Karl Lagerfeld, David Lynch, Guido Mocafico, Lou Reed, Bettina Rheims, Paolo Roversi, Richard Serra, Juergen Teller, Massimo Vitali hanno tutti dato fiducia alla sua casa editrice di Göttingen che rimane una delle poche indipendenti che gestisce tutte le fasi di produzione.

Cassina

Cassina, fondata nel 1927, inaugura nell’Italia degli anni ‘50 l’industrial design. E’ stata la prima azienda ad assumere un’attitudine di ricerca e di innovazione coinvolgendo importanti architetti e designer nell’immaginare nuove forme e soprattutto nel tradurre le loro intuizioni in realtà, una caratteristica che ancora oggi distingue l’azienda. L’identità autentica di Cassina si concretizza nella sua abilità creativa ed intellettuale lavorando sempre in stretta collaborazione con i talenti del 20° e del 21° secolo, dalla sensibilità, dallo stile e dalla creatività anche molto diversi, come Le Corbusier, Charlotte Perriand, Pierre Jeanneret, Franco Albini, Charles Rennie Mackintosh, Gio Ponti, Vico Magistretti, Philippe Starck e Gaetano Pesce.

Scarica