Più di 100 combinazioni per la rinascita del tavolo Boboli di Rodolfo Dordoni. Una meraviglia tecnica, frutto del lavoro di ricerca.

Presentati per la prima volta nel 2007, i tavoli Boboli sono stati sviluppati con la capacità tecnica tipica del Centro Ricerche e Sviluppo di Cassina. Una sfida ardita per la sottigliezza delle bandelle verticali di metallo, torse per creare un effetto scultoreo, che costituiscono la base del tavolo che oggi può sostenere delle geometrie particolari anche sulle dimensioni più grandi. Maggiore stabilità è garantita grazie al piano completamente fissato alla base tramite un nuovo sottopiano in legno.

I tavoli Boboli sono chiamati come lo storico giardino di Firenze, in omaggio al suo bellissimo paesaggio. Un paesaggio che è rispecchiato in questa collezione.

5 misure, 3 forme, 4 finiture di base e 5 finiture di piano sostituiscono la prima collezione per creare più di 100 combinazioni. Accanto all’originale versione cromata, tre nuove finiture di base sono disponibili in alluminio verniciato nero opaco, cromato oro scuro o canna di fucile. I basamenti possono essere abbinati liberamente con una varietà più ampia di piani in due nuove essenze di legno, frassino tinto nero o noce Canaletto, o retro-laccati nei colori petrolio, tortora o antracite per creare un paesaggio unico per la casa.

Scarica