Casiers Standard: i primi arredi d'avanguardia, strumenti per l'organizzazione domestica.

1925. Presentato al Pavillon de l’Esprit Nouveau da Le Corbusier e Pierre Jeanneret, questo progetto rivoluzionario è stato pensato in origine per l'ufficio e per rispondere alla necessità di organizzare liberamente spazi e oggetti, utilizzando dei moduli che ricordano composizioni architettoniche. Un’idea mai stata esplorata in questa maniera precedentemente.

1978. Charlotte Perriand propose a Cassina un adattamento di questo sistema di contenitori, sofisticato nella sua semplicità, per la produzione seriale.

Oggi. A seguito di uno studio approfondito svolto in collaborazione con la Fondazione Le Corbusier e Pernette Perriand, Cassina presenta una versione aggiornata di questo sistema studiata per tutte le necessità dei vari ambienti di casa.

All’interno dello showroom di Cassina Parigi, i Casiers Standard saranno quindi esposti in diverse ambientazioni della casa, dalla cucina al bagno, dalla zona living alla camera dei bambini.

Casiers Standard fa parte del progetto MutAzioni presentato nel 2016 per sottolineare l'importanza di adattarsi al modo in cui viviamo oggi ed è una chiara manifestazione dell’attitudine di Cassina di miglioramento continuo volto a mantenere sempre attuali i propri progetti.

 

Le Corbusier, patrimonio dell’UNESCO.

La conservazione dell’opera di Le Corbusier è un lavoro a lungo termine, salvaguardato e promosso dalla Fondazione Le Corbusier con cui Cassina lavora a stretto contatto sin dalla sua costituzione nel 1968.

Il 19 gennaio, l’Ambasciatore Svizzero dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura partecipa a un talk presso lo showroom di Cassina Parigi per parlare dell’importanze del lavoro di Le Corbusier a seguito dell’annuncio che 17 delle sue architetture in 7 paesi (Argentina, Belgio, Francia, Germania, India, Giappone, Svizzera) sono diventate patrimonio mondiale.

 

Reinventare lo ‘standard’ per un allestimento speciale durante i D’Days 2017.

Durante lo stesso talk, Cassina presenterà il progetto sperimentale “D’un Casier à l’autre …un nouveau Standard” curato da Marie Christine Dorner, designer, interior designer e docente.

Marie Christine è stata invitata da Cassina a coinvolgere giovani professionisti dal suo corso presso l’Ecole Camondo, una scuola integrata a Les Arts Décoratifs specializzata nella formazione di progettisti nelle discipline di design dello spazio e degli oggetti, in una workshop che si svolgerà da gennaio a marzo. 

Inspirato dai Casiers Standard, lo scopo del progetto è di ripensare il concetto dietro la parola "standard" per poter reinventare un oggetto di arredamento con una visione personale e unica.

I progetti e i prototipi dei miglior design saranno svelati da Marie Christine con una scenografia speciale presso il nuovo showroom di Cassina in rue de Turenne in occasione dei D’Days, dal 2 al 14 maggio.