Cassina as seen by Karl. In anteprima mondiale Cassina Paris presenta il libro di fotografie dedicate alla Collezione Cassina, primo progetto fotografico di Karl Lagerfeld per un marchio di design.

Parigi, 18 gennaio 2018. Il libro ‘Cassina as seen by Karl’ raccoglie la percezione inedita e la nuova prospettiva dello stilista su una selezione di mobili Cassina, tra i più emblematici del design moderno e contemporaneo, scelti dallo stesso Lagerfeld. Una vera e propria esperienza di profonda riflessione, l’opera è presentata in uno spazio completamente allestito e animato con stampe di grande formato delle fotografie di Karl Lagerfeld e schermi che riproducono il video del dietro le quinte.

Come l’interpretazione delle icone Cassina nelle opere dell’artista, l’esposizione mette in risalto i contrasti cromatici, luminosi, geometrici e grafici che sono fondamentali per il marchio, con una presentazione originale di modelli unici in bianco e nero.

I tavoli Lebeau di Patrick Jouin, le poltrone Tre Pezzi di Franco Albini e la sedia 699

Superleggera di Gio Ponti conquistano lo showroom.

“E’ un tipo di progetto sul quale non avevo mai ‘lavorato’. Reinterpretare visualmente degli esempi di design perfetto è completamente nuovo per me, e quindi stimolante e anche esaltante.

Sono anche un fan delle ‘produzioni’ di Cassina da anni e possiedo tanti di questi pezzi fotografati, spesso anche in più esemplari. Il mio primo ‘ordine’ era la famosa chaise-longue di Le Corbusier, Pierre Jeanneret e Charlotte Perriand negli anni 60…” Karl Lagerfeld.

 

Cassina sotto l’occhio di Karl Lagerfeld.

Karl Lagerfeld non aveva mai collaborato con un marchio di arredamento per un progetto fotografico. Grande amante del design ed esteta tra i più influenti dei nostri tempi, affronta il tema grazie al progetto artistico affidatogli da Cassina nel 2013 con l’intento di far sfilare i suoi oggetti preferiti davanti all’obiettivo.

Impegnato in questo progetto artistico inedito sin dall’inizio, il celebre editore Gerhard Steidl ha seguito tutto lo sviluppo, inclusa la stampa delle foto in edizione limitata.

È stato lui a decidere la disposizione delle fotografie esposte inizialmente presso lo showroom Cassina Saint-Germain e poi nelle altre città del mondo.

Oggi, cinque anni dopo l’esposizione delle opere di Karl Lagerfeld, che avvincono sia per la loro resa plastica e cromatica sia per l’importanza dei formati utilizzati, Gerhard Steidl condivide questa interpretazione sensazionale delle Collezioni Cassina e pubblica ‘Cassina as seen by Karl’.

Così come i mobili Cassina rappresentano le declinazioni della visione di un designer, i libri Steidl rappresentano le declinazioni del lavoro di un fotografo - è il caso delle immagini grafiche e moderne di Karl Lagerfeld.

È stato un vero piacere creare un libro che rispecchia i mobili Cassina in termini di qualità dei materiali, know-how e durata”. Gerhard Steidl.

Raccolta del design haute-couture.

In questo libro l’editore si prefigge di riscoprire le fotografie dell’artista e amante del design. Dalla poltrona LC2 di Le Corbusier, Pierre Jeanneret e Charlotte Perriand, alla poltrona Auckland di Jean-Marie Massaud, Karl Lagerfeld riunisce le pietre miliari di una breve storia del design, alcune appartenenti alla sua collezione personale. Rovesciati, in conversazione, colti nel dettaglio, nell’insieme o nella loro maestosità, i mobili familiari, in quanto celebri, appaiono in composizioni grafiche che li rendono al tempo stesso insoliti e misteriosi. Senza tradire la identità dei mobili, sembra che Karl Lagerfeld riesca a estrapolarne una forma di umanità.

 

Karl Lagerfeld e la fotografia.

Karl Lagerfeld ha debuttato nella fotografia nel 1987. Ha ricevuto vari premi inclusi il Gordon Parks Foundation Award nel 2011, il Lucky Strike Design Award dalla Raymond Loewy Foundation, il premio culturale dalla German Photographic Society, e l’ICP Trustees Award all’International Center of Photography’s Infinity Awards nel 2007. Inoltre, Lagerfeld ha realizzato numerosi libri fotografici, ha curato diverse mostre ed è stato invitato a fare il guest editor da diverse testate incluse Wallpaper ed AD France.

Gerhard Steidl.

Gerhard Steidl apre la sua tipografia a soli 17 anni. Nel 1972 fonda la casa editrice che due anni dopo ha pubblicato le opere letterarie del futuro Premio Nobel, Günter Grass.

In pochi anni diventa un punto di riferimento per i libri di fotografie. Karl Lagerfeld, Robert Adams, David Bailey, Robert Frank, Nan Goldin, David Lynch, Guido Mocafico, Lou Reed, Bettina Rheims, Paolo Roversi, Richard Serra, Juergen Teller, Massimo Vitali hanno tutti dato fiducia alla sua casa editrice di Göttingen che rimane una delle poche indipendenti che gestisce tutte le fasi di produzione.

Scarica